© www.trekkinginciociaria.com - © www.compagniadeiviandanti.com - © www.ciociariadavivere.com
TREKKING IN CIOCIARIA

Trekking e Percorsi di Fede

La provincia di Frosinone è attraversata da numerosi percorsi, molti dei quali rappresentano tratte di percorsi più lunghi e complessi. Questi    itinerari    si    evolvono    costantemente    con    variazioni    che    pian    piano    stanno    pèortando    ad    eliminare    i    tratti    asfaltati,    aumentandone    il    valore naturalistico ed escursionistico «Francigena del sud» direttrice Casilina La   Francigena   «disegnata»   da   Monica   Datti   e   Franco   Cinti   parte   da   San   Pietro   in   Roma   ed   entra   in   Ciociaria   da   Palestrina   (quindi   dalla   Via   Prenestina)   per seguire   la   linea   logica   della   ex   ferrovia   Roma   -   Fiuggi,   fino   a   Acuto,   dopo   aver   toccato   Serrone   e   Piglio.   Da   qui   devia   verso   Anagni   per   seguire   la   linea   della Via Casilina: Ferentino - Frosinone - Arnara - Poci - Ceprano - Aquino - Piedimonte San Germano  - Cassino «Francigena del Sud» direttrice Casilina con deviazione Appia Antica - Artena Questa   deviazione   ideata   in   occasione   dei   cammini   organizzati   dalla   Camera   di   Commercio   di   Frosinone,   rende   l’uscita   più   suggestiva   ed   accattivante.   Da San   Pietro   segue   la   Francigena   del   Sud   «direttrice   Appia)   e   segue   tutta   l’Appia   Antica   fino   a   Ciampino,   per   poi   attraversare   Caste   Gandolfo,   Genzano   di Roma,   Nemi   e   da   qui   raggiunge   Velletri   e   quindi   si   attraversa   la   Riserva   del   Lago   di   Giulianello,   finoad   Artena.   Si   attraversa   la   Casilina   raggiungendo   Paliano e poi Serrone, da cui si riprende il percorso originario. «Francigena del Sud» direttrice Casilina con deviazione per Veroli - Casamari Da   Frosinone   di   sale   a   Veroli   e   quindi   si   raggiunge   l’Abbazia   di   Casamari.   Da   qui   si   traversa   per   Strangolagalli   e   quindi   si   raggiunge   Ceprano   dove   si riprende il percorso originario.  «Francigena del Sud» direttrice Valcomino Si   segue   il   percorso   su   descritto   fino   a   Frosinone,   salendo   a   Veroli   e   quindi   l’Abbazia   di   Casamari.   Da   qui   si   devia   verso   Castelliri,   Isola   del   Liri,   Sora (Abbazzia   di   san   Domenico),   Carnello,   per   entrare   nella   vale   di   Comino,   territorio   di   Fontechiari.   Si   raggiunge   il   Riserva   del   lago   di   Posta   Fibreno   e   da   qui   si sale   al   paese   per   poi   raggiungere   il   castello   di   Vicalvi,   il   centro   di   Alvito   e   poi   attravrsare   i   vigneti   del   cabernet   fino   ad   Atina.   Da   qui   si   puù   deviare   per   la Gole   del   Melfa   per   raggiungere   Roccasecca   e   quindi   Cassino,   oppure   raggiungere   Villa   Latina,   salire   a   San   Biagio   Saracinisco   e   quindi   il   Lago   La   Selva.   da qui scende nel Molise e quindi si seguono i tratturi fino in Puglia. «La nuova Francigena del Sud»    Un   percorso   che   attraversa   la   provincia   seguendo   una   linea   «ideale».   Da   Serrone   si   segue   la   ciclabile   ex   ferrovia   fino   a   Fiuggi,   attraversando   Piglio   ed Acuto.   Si   attraversa   la   Riserva   Naturale   del   lago   di   canterno   e   si   sale   a   Fumone,   per   poi   raggiungere   Alatri.   Da   qui   si   va   a   Veroli,   dopo   essere   transitati   per   la Badia   di   san   Sebastiano   e   poi   di   seguito   Casamari-   Castelliri   -   Isola   del   Liri.   Sora   (San   Domenico)   -   Posta   Fibreno   -   Vicalvi   -   Alvito   -   Atina   -   Villa   Latina   -   San Biagio Saracinisco  - Lago La Selva. «Il Cammino di Benedetto» Trecento   chilometri   da   Norcia,   alle   propaggini   dei   Monti   Sibillini,   a   Subiaco,   nell’alta   valle   dell’Aniene,   fino   a   Cassino,   nella   valle   del   Liri,   attraversando   i luoghi   piú   significativi   della   vita   di   san   Benedetto   da   Norcia.   16   tappe   attraverso   sentieri,   carrarecce,   e   strade   a   basso   traffico,   percorrendo   valli   e   monti   di Umbria   e   Lazio.   Non   soltanto   un   viaggio   nel   mondo   benedettino,   ma   anche   un   pellegrinaggio   sui   luoghi   di   santi   a   volte   popolarissimi,   come   Rita   da   Cascia, Francesco d’Assisi, Tommaso d’Aquino; oppure meno noti, come Giuseppe da Leonessa o Agostina Pietrantoni. «La Via delle Abbazie» La   via   ricalca   il   percorso   che   san   Benedetto   iniziò   nel   525   da   Subiaco   per   arrivare   a   Montecassino,   dove   fondò   il   monastero   che   porta   il   suo   nome.   Un percorso che tocca le sette abbazie ciociare, passando da Trevi a Cassino, progettato dal Club Alpino Italiano. Il   fine   è   quello   di   far   apprezzare   i   siti   benedettini   più   noti,   come   Trisulti,   Casamari   e   Montecassino,   facendo   conoscere   al   pubblico   luoghi   sconosciuti, abbazie non ancora inserite nei percorsi turistici, come quella di San Sebastiano, restaurata da poco, che si trova sul confine tra Veroli e Alatri. Il «Cammino Rovetano» Il   Cammino   Rovetano   è   un   circuito   escursionistico   di   circa   140km   che   si   sviluppa   lungo   i   due   versanti   dell’ampia   Valle   Roveto,   condivisa   tra   Lazio   (vertice sud SORA) ed Abruzzo (vertice Nord Capistrello), contornata dai contrafforti di Ernici-Cantari-Simbruini da un lato e dal Preappennino Centrale dall’altro. Per   il   95%   il   Cammino   procede   su   sterrate,   mulattiere,   tratturi   e   sentieri,   talvolta   anche   particolarmente   sconnessi   ma   sempre   fruibili   anche   dagli   inesperti, riservando l’asfalto, fatta qualche brevissima eccezione, al solo attraversamento dei centri abitati. L’intero   anello   si   snoda   lungo   la   fascia   pedemontana   pertanto   l’andamento   altimetrico,   ad   eccezione   di   parte   di   due   tappe,   non   presenta   mai   significativi dislivelli; muovendosi infatti principalmente su falsipiani presenta di tanto in tanto brevi strappi in marcata pendenza. Su   gran   parte   del   circuito   sono   presenti   sorgenti   e   fontanili   che   assicurano   periodico   ristoro   ed   alleggeriscono   il   bagaglio.   In   ultimo   va   sottolineato   chela Valle   Roveto,   per   tutta   la   lunghezza   giova   di   una   linea   ferroviaria   che,   attraverso   numerose   stazioni   intermedie,   facilmente   raggiungibili   dal   Cammino, collega i due apici Sora-Capistrello. «Cammino di San Pietro Eremita» Il Cerchio del Gemellaggio Un cammino in fase di progettazione e arricchisce il panorama dei cammini nel centro Italia. Tappe: Riofreddo – Cervara di Roma / Cervara di Roma – Subiaco / Subiaco – Trevi nel Lazio / Trevi nel Lazio – SS Trinità / SS Trinità – Rocca di Botte «Cammino di San Pietro Eremita» Il Cerchio dei Miracoli Postumo Un cammino in fase di progettazione e arricchisce il panorama dei cammini nel centro Italia. Tappa: Trevi nel Lazio – Acuto / Acuto – Anagni / Anagni – Alatri / Alatri – Guarcino / Guarcino – Filettino / Filettino – Trevi nel Lazio «Sentiero Italia» Il   Sentiero   Italia   è   un   itinerario   escursionistico   lungo   circa   6.166   k.   che,   in   368   tappe,   attraversa   l’intero   territorio   nazionale.   Parte   dalla   Grotta   Gigante   a Sgonico nei pressi di Trieste e, attraversando l’intero arco alpino, tutta la catena appenninica, la Sicilia e la Sardegna, arriva a Santa Teresa di Gallura (OT). « Il   Sentiero   Italia,   che   all’uscita   dall’Umbria   si   sdoppia,   attraversa   la   regione   di   Roma   con   le   16   tappe   del   suo   percorso   occidentale.   Dopo   la   conca   di   Amatrice,   si scavalcano   il   Terminillo,   il   Navegna,   i   Monti   Simbruini   ed   Ernici.   Toccata   Sora,   si   percorre   il   versante   ciociaro   del   Parco   d’Abruzzo,   Lazio   e   Molise.   Sul   percorso   si traversano   montagne   frequentate   e   famose   come   il   Terminillo   e   il   Viglio   e   zone   molto   meno   battute   come   il   Monte   Pozzoni,   il   Monte   Nuria   e   alcuni   settori   degli Ernici. Per un tratto, prima e dopo Carsoli, il sentiero sconfina in Abruzzo. Si   incontrano   città   d’arte   come   Sora   e   Leonessa,   borghi   come   Ascrea,   Filettino   e   Picinisco,   monumenti   della   fede   come   la   Certosa   di   Trisulti.   I   cippi   dell’antico   confine tra lo Stato Pontificio e il Regno delle Due Sicilie compaiono accanto al Sentiero Italia in varie tappe» . (Stefano Ardito) «la Via dei Lupi» Un   grande   percorso   ideata   dalla   FederTrek   Lazio   sostenuta   dall'Agenzia   Regionale   dei   Parchi.   Il   percorso   è   stato   individuato   sul   terreno   da   Stefano   Ardito ed l’unico trekking, tra quelli sviluppati tra Lazio ed Abruzzo, che affida ad un'animale così evocativo la sua esistenza. La   Via   dei   Lupi,   che   da   Tivoli   arriva   fino   a   San   Donato   in   Val   Comino,   versante   laziale   del   Parco   d'Abruzzo,   si   può   percorrere,   in   entrambi   i   sensi   di   marcia, con   difficoltà   escursionistiche   legate   soprattutto   alla   lunghezza   ed   al   dislivello   di   alcune   tappe.   E'   possibile   entrare   ed   uscire   dal   trekking   in   diversi   punti   del suo   tracciato   ed   usare   i   mezzi   pubblici   per   poter   rientrare.   E'   un   percorso   a   tappe   (14),   con   una   percorrenza   media   giornaliera   di   circa   15   km,   e   con   soste tutte all'interno dei paesi attraversati, dove si può pernottare e mangiare.
© www.trekkinginciociaria.com - © www.compagniadeiviandanti.com - © www.ciociariadavivere.com
TREKKING IN CIOCIARIA

Trekking e Percorsi di Fede

La    provincia    di    Frosinone    è    attraversata    da    numerosi percorsi,   molti   dei   quali   rappresentano   tratte   di   percorsi   più lunghi e complessi. Questi    itinerari    si    evolvono    costantemente    con    variazioni che    pian    piano    stanno    pèortando    ad    eliminare    i    tratti asfaltati,       aumentandone       il       valore       naturalistico       ed escursionistico «Francigena       del       sud»       direttrice Casilina La   Francigena   «disegnata»   da   Monica   Datti   e   Franco   Cinti parte    da    San    Pietro    in    Roma    ed    entra    in    Ciociaria    da Palestrina   (quindi   dalla   Via   Prenestina)   per   seguire   la   linea logica   della   ex   ferrovia   Roma   -   Fiuggi,   fino   a   Acuto,   dopo aver   toccato   Serrone   e   Piglio.   Da   qui   devia   verso   Anagni   per seguire   la   linea   della   Via   Casilina:   Ferentino   -   Frosinone   - Arnara   -   Poci   -   Ceprano   -   Aquino   -   Piedimonte   San   Germano     - Cassino «Francigena      del      Sud»      direttrice Casilina   con   deviazione   Appia   Antica - Artena Questa     deviazione     ideata     in     occasione     dei     cammini organizzati   dalla   Camera   di   Commercio   di   Frosinone,   rende l’uscita   più   suggestiva   ed   accattivante.   Da   San   Pietro   segue la   Francigena   del   Sud   «direttrice   Appia)   e   segue   tutta   l’Appia Antica   fino   a   Ciampino,   per   poi   attraversare   Caste   Gandolfo, Genzano   di   Roma,   Nemi   e   da   qui   raggiunge   Velletri   e   quindi si    attraversa    la    Riserva    del    Lago    di    Giulianello,    finoad Artena.   Si   attraversa   la   Casilina   raggiungendo   Paliano   e   poi Serrone, da cui si riprende il percorso originario. «Francigena      del      Sud»      direttrice Casilina    con    deviazione    per    Veroli    - Casamari Da   Frosinone   di   sale   a   Veroli   e   quindi   si   raggiunge   l’Abbazia di   Casamari.   Da   qui   si   traversa   per   Strangolagalli   e   quindi   si raggiunge Ceprano dove si riprende il percorso originario.  «Francigena      del      Sud»      direttrice Valcomino Si   segue   il   percorso   su   descritto   fino   a   Frosinone,   salendo   a Veroli   e   quindi   l’Abbazia   di   Casamari.   Da   qui   si   devia   verso Castelliri,   Isola   del   Liri,   Sora   (Abbazzia   di   san   Domenico), Carnello,    per    entrare    nella    vale    di    Comino,    territorio    di Fontechiari.   Si   raggiunge   il   Riserva   del   lago   di   Posta   Fibreno e   da   qui   si   sale   al   paese   per   poi   raggiungere   il   castello   di Vicalvi,    il    centro    di    Alvito    e    poi    attravrsare    i    vigneti    del cabernet   fino   ad   Atina.   Da   qui   si   puù   deviare   per   la   Gole   del Melfa   per   raggiungere   Roccasecca   e   quindi   Cassino,   oppure raggiungere   Villa   Latina,   salire   a   San   Biagio   Saracinisco   e quindi   il   Lago   La   Selva.   da   qui   scende   nel   Molise   e   quindi   si seguono i tratturi fino in Puglia. «La nuova Francigena del Sud»    Un   percorso   che   attraversa   la   provincia   seguendo   una   linea «ideale».   Da   Serrone   si   segue   la   ciclabile   ex   ferrovia   fino   a Fiuggi,   attraversando   Piglio   ed   Acuto.   Si   attraversa   la   Riserva Naturale   del   lago   di   canterno   e   si   sale   a   Fumone,   per   poi raggiungere    Alatri.    Da    qui    si    va    a    Veroli,    dopo    essere transitati   per   la   Badia   di   san   Sebastiano   e   poi   di   seguito Casamari-   Castelliri   -   Isola   del   Liri.   Sora   (San   Domenico)   - Posta   Fibreno   -   Vicalvi   -   Alvito   -   Atina   -   Villa   Latina   -   San Biagio Saracinisco  - Lago La Selva. «Il Cammino di Benedetto» Trecento    chilometri    da    Norcia,    alle    propaggini    dei    Monti Sibillini,   a   Subiaco,   nell’alta   valle   dell’Aniene,   fino   a   Cassino, nella    valle    del    Liri,    attraversando    i    luoghi    piú    significativi della   vita   di   san   Benedetto   da   Norcia.   16   tappe   attraverso sentieri,   carrarecce,   e   strade   a   basso   traffico,   percorrendo valli   e   monti   di   Umbria   e   Lazio.   Non   soltanto   un   viaggio   nel mondo   benedettino,   ma   anche   un   pellegrinaggio   sui   luoghi di     santi     a     volte     popolarissimi,     come     Rita     da     Cascia, Francesco   d’Assisi,   Tommaso   d’Aquino;   oppure   meno   noti, come Giuseppe da Leonessa o Agostina Pietrantoni. «La Via delle Abbazie» La   via   ricalca   il   percorso   che   san   Benedetto   iniziò   nel   525   da Subiaco     per     arrivare     a     Montecassino,     dove     fondò     il monastero   che   porta   il   suo   nome.   Un   percorso   che   tocca   le sette     abbazie     ciociare,     passando     da     Trevi     a     Cassino, progettato dal Club Alpino Italiano. Il   fine   è   quello   di   far   apprezzare   i   siti   benedettini   più   noti, come   Trisulti,   Casamari   e   Montecassino,   facendo   conoscere al   pubblico   luoghi   sconosciuti,   abbazie   non   ancora   inserite nei     percorsi     turistici,     come     quella     di     San     Sebastiano, restaurata    da    poco,    che    si    trova    sul    confine    tra    Veroli    e Alatri. Il «Cammino Rovetano» Il   Cammino   Rovetano   è   un   circuito   escursionistico   di   circa 140km   che   si   sviluppa   lungo   i   due   versanti   dell’ampia   Valle Roveto,   condivisa   tra   Lazio   (vertice   sud   SORA)   ed   Abruzzo (vertice    Nord    Capistrello),    contornata    dai    contrafforti    di Ernici-Cantari-Simbruini    da    un    lato    e    dal    Preappennino Centrale dall’altro. Per    il    95%    il    Cammino    procede    su    sterrate,    mulattiere, tratturi   e   sentieri,   talvolta   anche   particolarmente   sconnessi ma     sempre     fruibili     anche     dagli     inesperti,     riservando l’asfalto,     fatta     qualche     brevissima     eccezione,     al     solo attraversamento dei centri abitati. L’intero    anello    si    snoda    lungo    la    fascia    pedemontana pertanto   l’andamento   altimetrico,   ad   eccezione   di   parte   di due      tappe,      non      presenta      mai      significativi      dislivelli; muovendosi   infatti   principalmente   su   falsipiani   presenta   di tanto in tanto brevi strappi in marcata pendenza. Su   gran   parte   del   circuito   sono   presenti   sorgenti   e   fontanili che     assicurano     periodico     ristoro     ed     alleggeriscono     il bagaglio.   In   ultimo   va   sottolineato   chela   Valle   Roveto,   per tutta    la    lunghezza    giova    di    una    linea    ferroviaria    che, attraverso      numerose      stazioni      intermedie,      facilmente raggiungibili     dal     Cammino,     collega     i     due     apici     Sora- Capistrello. «Cammino   di   San   Pietro   Eremita»   Il Cerchio del Gemellaggio Un    cammino    in    fase    di    progettazione    e    arricchisce    il panorama dei cammini nel centro Italia. Tappe:   Riofreddo   –   Cervara   di   Roma   /   Cervara   di   Roma   Subiaco   /   Subiaco   –   Trevi   nel   Lazio   /   Trevi   nel   Lazio   –   SS Trinità / SS Trinità – Rocca di Botte «Cammino   di   San   Pietro   Eremita»   Il Cerchio dei Miracoli Postumo Un    cammino    in    fase    di    progettazione    e    arricchisce    il panorama dei cammini nel centro Italia. Tappa:   Trevi   nel   Lazio   –   Acuto   /   Acuto   –   Anagni   /   Anagni   Alatri   /   Alatri   –   Guarcino   /   Guarcino   –   Filettino   /   Filettino   Trevi nel Lazio «Sentiero Italia» Il   Sentiero   Italia   è   un   itinerario   escursionistico   lungo   circa 6.166    k.    che,    in    368    tappe,    attraversa    l’intero    territorio nazionale.   Parte   dalla   Grotta   Gigante   a   Sgonico   nei   pressi   di Trieste   e,   attraversando   l’intero   arco   alpino,   tutta   la   catena appenninica,   la   Sicilia   e   la   Sardegna,   arriva   a   Santa   Teresa   di Gallura (OT). « Il     Sentiero     Italia,     che     all’uscita     dall’Umbria     si     sdoppia, attraversa   la   regione   di   Roma   con   le   16   tappe   del   suo   percorso occidentale.    Dopo    la    conca    di    Amatrice,    si    scavalcano    il Terminillo,    il    Navegna,    i    Monti    Simbruini    ed    Ernici.    Toccata Sora,   si   percorre   il   versante   ciociaro   del   Parco   d’Abruzzo,   Lazio e   Molise.   Sul   percorso   si   traversano   montagne   frequentate   e famose   come   il   Terminillo   e   il   Viglio   e   zone   molto   meno   battute come   il   Monte   Pozzoni,   il   Monte   Nuria   e   alcuni   settori   degli Ernici.   Per   un   tratto,   prima   e   dopo   Carsoli,   il   sentiero   sconfina in Abruzzo. Si   incontrano   città   d’arte   come   Sora   e   Leonessa,   borghi   come Ascrea,    Filettino    e    Picinisco,    monumenti    della    fede    come    la Certosa    di    Trisulti.    I    cippi    dell’antico    confine    tra    lo    Stato Pontificio   e   il   Regno   delle   Due   Sicilie   compaiono   accanto   al Sentiero Italia in varie tappe» . (Stefano Ardito) «la Via dei Lupi» Un   grande   percorso   ideata   dalla   FederTrek   Lazio   sostenuta dall'Agenzia     Regionale     dei     Parchi.     Il     percorso     è     stato individuato   sul   terreno   da   Stefano   Ardito   ed   l’unico   trekking, tra    quelli    sviluppati    tra    Lazio    ed    Abruzzo,    che    affida    ad un'animale così evocativo la sua esistenza. La   Via   dei   Lupi,   che   da   Tivoli   arriva   fino   a   San   Donato   in   Val Comino,     versante     laziale     del     Parco     d'Abruzzo,     si     può percorrere,    in    entrambi    i    sensi    di    marcia,    con    difficoltà escursionistiche    legate    soprattutto    alla    lunghezza    ed    al dislivello   di   alcune   tappe.   E'   possibile   entrare   ed   uscire   dal trekking   in   diversi   punti   del   suo   tracciato   ed   usare   i   mezzi pubblici   per   poter   rientrare.   E'   un   percorso   a   tappe   (14),   con una   percorrenza   media   giornaliera   di   circa   15   km,   e   con soste    tutte    all'interno    dei    paesi    attraversati,    dove    si    può pernottare e mangiare.