© www.trekkinginciociaria.com - © www.compagniadeiviandanti.com - © www.ciociariadavivere.com

Massiccio del Monte Cairo

Il   Monte   Cairo   era   denominato   anticamente   Mons   Clarius   perché   là   sorgeva   un   tempio dedicato   ad   Apollo   (Clarius)   dove   oggi   sorge   l'abbazia   di   Montecassino   e   costituisce   la vetta   principale   del   massiccio   del   Monte   Cairo,   che   è   un   gruppo   indipendente   da   altre catene   montuose.   Tale   Massiccio   si   estende   per   circa   16–18   km   dall'alta   valle   del   Melfa alla   strada   Roma-Napoli.   Il   complesso   degli   elementi   geologici   è   di   origine   calcarea   e risale   al   periodo   giurassico   e   cretaceo.   Le   sue   cime   sono   brulle   a   differenza   dei   fianchi invece   parzialmente   boscosi.   A   quota   1300   m   sul   versante   ovest   di   Monte   Cairo   sorge   il rifugio   Pozzacone,   struttura   di   proprietà   del   Comune   di   Colle   San   Magno   e   si   sale   al Monte tra faggete ed un altipiano con pozzi di neve. Dalla   vetta   si   può   ammirare   il   panorama   sull'Appennino   marsicano,   le   Mainarde,   il   Monte Meta,   il   Matese,   il   mare   fino   a   Gaeta,   le   isole   Pontine   ed   il   Vesuvio,   oltre   al   monte   Cesima (rilievo   nei   pressi   di   Mignano   Monte   Lungo),   il   monte   Camino   e   il   monte   Maggiore.   Infine nella zona bassa verso sud-est il panorama offre la veduta dell'abbazia di Montecassino. Il   Monte   Cairo   è   stato   teatro   di   eventi   drammatici   legati   alla   seconda   guerra   mondiale, con    le    sue    pendici    disboscate    e    defoliate;    le    sue    creste    segnate    da    trinceramenti, reticolati   e   campi   minati.   Oggi   di   quelle   opere   di   guerra   non   resta   quasi   più   traccia   grazie all’opera    di    bonifica    del    dopoguerra,    alla    riforestazione,    al    lavoro    dei    contadini    per rimettere a coltura le terre. Su   queste   montagne   correva   la   Linea   Gustav,   una   fascia   di   fortificazioni   sui   monti   e   sui colli   ideata   dai   tedeschi   al   fine   di   creare   una   lunga   linea   difensiva,   inattaccabile   e   sempre in    grado    di    tenere    sotto    controllo,    dall’alto,    i    movimenti    delle    truppe    avversarie. Adeguandosi   alla   conformazione   dei   luoghi   i   tedeschi   attrezzarono   i   monti   con   artiglieria in   grado   di   colpire   gli   obiettivi   posti   a   valle   e   con   l’artiglieria   contraerea.   I   colli   intorno   a Terelle   furono   trincerati.   Le   postazioni   difensive   furono   collocate   sul   terreno   in   posizioni dominanti   tali   da   sfruttare   al   massimo   l’eccellente   visibilità.   I   lavori   di   costruzione   delle infrastrutture   (casematte,   bunker   corazzati,   ricoveri,   postazioni   in   caverna)   si   svolsero nell’autunno   del   1943.   L’urgenza   di   progredire   nei   lavori,   motivata   dallo   sbarco   a   Salerno e   dalla   risalita   delle   armate   alleate,   costrinse   i   tedeschi   ad   affiancare   i   lavori   assegnati alle    ditte    private    con    interventi    diretti    del    genio    militare    e    della    Todt.    I    tedeschi reclutarono   forzosamente   l’ingente   manodopera   necessaria   con   frequenti   rastrellamenti, prima   solo   diurni   e   poi   anche   notturni,   di   uomini   nei   paesi   circostanti.   Fu   potenziata   la modesta    viabilità    locale    e    furono    costruite    nuove    strade,    come    la    Neumann    che collegava   Terelle   a   Belmonte.   Altre   vie   di   penetrazione   collegavano   i   paesi   della   valle   del Melfa   alla   prima   linea,   per   consentire   i   movimenti   di   truppe,   l’arrivo   dei   rifornimenti   e   la gestione   degli   ospedali   di   campo.   Il   massiccio   del   Monte   Ciro   è   attraversato   da   una   rete di sentieri percorribili a piedi e a cavallo. Il    massiccio    è    oggi    attraversato    anche    da    due    percorsi    legati    a    San    Benedetto,    che collegano   Norcia   all’Abbazia   di   Montecassino:   Il   Cammino   di   Benedetto   e   la   Via   delle Abbazie.
TREKKING IN CIOCIARIA

Il Massiccio del Monte Cairo a piedi

C1 - Castellaccio da Castrocielo C2 - Le Grotte da Castrocielo C3 - I Monacati da Il Campo (Castrocielo) C4 - Valle Iammamera da Laghetto Capo d'Acqua C5 - Il Campo - Monte Il Serrone - Cisternola - Rifugio Pozzacone C5 variante - Variante per evitare Monte Il Serrone CA01 - Belmonte Castello - Dolina carsica F2 - Dall'inferno al Cielo: da Fosso dell'Inferno a Montattico F3 - Il Brigante: dal Rifugio dell'Eco a Località il Brigante (Monte Cerreto) F4 - Le More delle Iannole: da Ponte della Valle a Le Iannole L2 - Pizzo di Prato Caselle da Monforte L3 - I Cinque Pozzi da Casalattico L4 - Anello dei pozzi di Campo del Popolo L5 - Circuito Obachelle da Campo del Popolo L6 - Cimarone del Villaneto da La Cisterna L7 - Anello Murro Marro da Montattico L8 - Il Vallone dei Caprioli da Montattico L9 - Due strade Romane da Montattico M1 - Monte Asprano da Colle San Magno M2 - Grotte e Briganti da Puzzacca a Casa Valle di Noce M3 - Pizzo Murro Marro da Puzzacca M4 - La Via della Legna da Puzzacca (Monte Barile, Monte Boltieri, Monte Pilone) M5 - Cimarone del Villaneto da Colle San Magno M6 - Monte Obachelle (1466 m) da Colle san Magno M7 - Monte Denti da Colle San Magno M8 - Monte della Grotta da Colle San Magno M9 - Monte Cairo da Tigione N5 - San Gennaro - Monte Forcellone P1 - Colli e Fossi da Piedimonte alta P2 - Circuito Pizzo Corno da La Mandria P3 - Da Piedimonte a Terelle (traversata) P4 - Monte Cairo da La Mandria R1 - Spirito Santo: eremo e grotte da Ponte vecchio R2 - Grotte Fronza e Cane da Roccasecca R3 - Monte Camorda da Roccasecca R4 - Grotta Sacra e Grotta Profana dal Castello di Roccasecca T1 - Monte Campanella da Terelle T2 - Monte Cairo da Pozzacone T3 - Le Serre da Terelle T4 - La Pineta di Monte Cairo T5 - Il Castagneto Secolare da Terelle V1 - Monte Cairo e Terelle da San Martino V2 - Linea Gustaw Colle San Martino da Villa Santa Lucia V3 - Il Cammino dei Monaci da Madonna delle Grazie a Montecassino V4 - Dalla Madonna delle Grazie alla Croce di Ferro (Mausoleo Polacco) Da Roccasecca all'Eremo dello Spirito Santo L'anello di Caprile e del Castello di Roccasecca Da Varciosa alle Iannole Monte Bianco di Villa Latina (1169 m) Monna Acquafondata (1325 m) da Acquafondata Monte Sambucaro (o Sammucaro, 1205 m) da San Pietro Infine

Il Massiccio del Monte Cairo a cavallo

Il Massiccio del Monte Cairo in bike

Arrampicare sul Massiccio del Monte Cairo

I Comuni

Aquino • Arce Arpino • Belmonte Castello • Casalattico • Casalvieri • Cassino • Castrocielo • Colfelice • Colle San Magno • Fontana Liri • Piedimonte San Germano • Rocca d'Arce • Roccasecca • Santopadre • Terelle • Villa Santa Lucia

La Ricettività

I Servizi turistici

Altri servizi

Le Guide Ambientali Escursionistiche

Monumento Naturale «Montecassino» Il Monumento Naturale Montecassino, istituito nel 2010, copre un'area di 694 ettari di rilevante interesse naturalistico e storico- archeologico che ricade all'interno del comune di Cassino.
Monumento Naturale Aquinum L’area è costituita da due zone originate dalla sorgente Capo d’Acqua d’Aquino, una di 129 ettari, include una grande piastra di travertino sulla quale si riscontrano i resti monumentali della città tardo repubblicana e imperiale di Aquino l’altra di 3 ettari, viene istituita a tutela della zona umida della sorgente. Estensione: 132 ettari Comuni: Castrocielo
Riserva Naturale Regionale «Antiche città di Fregellae, Fabrateria Nova e Lago di San Giovanni Incarico» La riserva è situata nella valle del fiume Liri, nel tratto in cui questa si allarga tra il massiccio del Monte Cairo a nord e le catene dei Monti Ausoni e dei Monti Aurunci a sud. Il lago di San Giovanni Incarico, bacino artificiale creato negli anni Venti del secolo scorso dallo sbarramento del fiume Liri, ha acque popolate da una grande varietà di pesci. Sulle sponde, dove s'incontrano numerose specie di uccelli, crescono pioppi e salici con ampi canneti. Rientrano nell'area protetta i notevoli resti della colonia romana di Fregellae, fondata nel 328 … Sito: www.riservafregellae.it Estensione: 715 ettari
© www.trekkinginciociaria.com - © www.compagniadeiviandanti.com - © www.ciociariadavivere.com

Massiccio del Monte

Cairo

Il    Monte    Cairo    era    denominato    anticamente    Mons    Clarius perché    là    sorgeva    un    tempio    dedicato    ad    Apollo    (Clarius) dove   oggi   sorge   l'abbazia   di   Montecassino   e   costituisce   la vetta    principale    del    massiccio    del    Monte    Cairo,    che    è    un gruppo     indipendente     da     altre     catene     montuose.     Tale Massiccio   si   estende   per   circa   16–18   km   dall'alta   valle   del Melfa   alla   strada   Roma-Napoli.   Il   complesso   degli   elementi geologici   è   di   origine   calcarea   e   risale   al   periodo   giurassico   e cretaceo.   Le   sue   cime   sono   brulle   a   differenza   dei   fianchi invece   parzialmente   boscosi.   A   quota   1300   m   sul   versante ovest   di   Monte   Cairo   sorge   il   rifugio   Pozzacone,   struttura   di proprietà   del   Comune   di   Colle   San   Magno   e   si   sale   al   Monte tra faggete ed un altipiano con pozzi di neve. Dalla    vetta    si    può    ammirare    il    panorama    sull'Appennino marsicano,   le   Mainarde,   il   Monte   Meta,   il   Matese,   il   mare   fino a   Gaeta,   le   isole   Pontine   ed   il   Vesuvio,   oltre   al   monte   Cesima (rilievo   nei   pressi   di   Mignano   Monte   Lungo),   il   monte   Camino e   il   monte   Maggiore.   Infine   nella   zona   bassa   verso   sud-est   il panorama offre la veduta dell'abbazia di Montecassino. Il   Monte   Cairo   è   stato   teatro   di   eventi   drammatici   legati   alla seconda   guerra   mondiale,   con   le   sue   pendici   disboscate   e defoliate;   le   sue   creste   segnate   da   trinceramenti,   reticolati   e campi   minati.   Oggi   di   quelle   opere   di   guerra   non   resta   quasi più   traccia   grazie   all’opera   di   bonifica   del   dopoguerra,   alla riforestazione,   al   lavoro   dei   contadini   per   rimettere   a   coltura le terre. Su   queste   montagne   correva   la   Linea   Gustav,   una   fascia   di fortificazioni   sui   monti   e   sui   colli   ideata   dai   tedeschi   al   fine   di creare   una   lunga   linea   difensiva,   inattaccabile   e   sempre   in grado   di   tenere   sotto   controllo,   dall’alto,   i   movimenti   delle truppe     avversarie.     Adeguandosi     alla     conformazione     dei luoghi   i   tedeschi   attrezzarono   i   monti   con   artiglieria   in   grado di     colpire     gli     obiettivi     posti     a     valle     e     con     l’artiglieria contraerea.    I    colli    intorno    a    Terelle    furono    trincerati.    Le postazioni   difensive   furono   collocate   sul   terreno   in   posizioni dominanti   tali   da   sfruttare   al   massimo   l’eccellente   visibilità.   I lavori   di   costruzione   delle   infrastrutture   (casematte,   bunker corazzati,      ricoveri,      postazioni      in      caverna)      si      svolsero nell’autunno    del    1943.    L’urgenza    di    progredire    nei    lavori, motivata   dallo   sbarco   a   Salerno   e   dalla   risalita   delle   armate alleate,   costrinse   i   tedeschi   ad   affiancare   i   lavori   assegnati alle   ditte   private   con   interventi   diretti   del   genio   militare   e della    Todt.    I    tedeschi    reclutarono    forzosamente    l’ingente manodopera   necessaria   con   frequenti   rastrellamenti,   prima solo    diurni    e    poi    anche    notturni,    di    uomini    nei    paesi circostanti.   Fu   potenziata   la   modesta   viabilità   locale   e   furono costruite    nuove    strade,    come    la    Neumann    che    collegava Terelle   a   Belmonte.   Altre   vie   di   penetrazione   collegavano   i paesi   della   valle   del   Melfa   alla   prima   linea,   per   consentire   i movimenti   di   truppe,   l’arrivo   dei   rifornimenti   e   la   gestione degli    ospedali    di    campo.    Il    massiccio    del    Monte    Ciro    è attraversato   da   una   rete   di   sentieri   percorribili   a   piedi   e   a cavallo. Il   massiccio   è   oggi   attraversato   anche   da   due   percorsi   legati   a San      Benedetto,      che      collegano      Norcia      all’Abbazia      di Montecassino:    Il    Cammino    di    Benedetto    e    la    Via    delle Abbazie.
TREKKING IN CIOCIARIA

Il Massiccio del Monte Cairo a piedi

C1 - Castellaccio da Castrocielo C2 - Le Grotte da Castrocielo C3 - I Monacati da Il Campo (Castrocielo) C4 - Valle Iammamera da Laghetto Capo d'Acqua C5 - Il Campo - Monte Il Serrone - Cisternola - Rifugio Pozzacone C5 variante - Variante per evitare Monte Il Serrone CA01 - Belmonte Castello - Dolina carsica F2 - Dall'inferno al Cielo: da Fosso dell'Inferno a Montattico F3 - Il Brigante: dal Rifugio dell'Eco a Località il Brigante (Monte Cerreto) F4 - Le More delle Iannole: da Ponte della Valle a Le Iannole L2 - Pizzo di Prato Caselle da Monforte L3 - I Cinque Pozzi da Casalattico L4 - Anello dei pozzi di Campo del Popolo L5 - Circuito Obachelle da Campo del Popolo L6 - Cimarone del Villaneto da La Cisterna L7 - Anello Murro Marro da Montattico L8 - Il Vallone dei Caprioli da Montattico L9 - Due strade Romane da Montattico M1 - Monte Asprano da Colle San Magno M2 - Grotte e Briganti da Puzzacca a Casa Valle di Noce M3 - Pizzo Murro Marro da Puzzacca M4 - La Via della Legna da Puzzacca (Monte Barile, Monte Boltieri, Monte Pilone) M5 - Cimarone del Villaneto da Colle San Magno M6 - Monte Obachelle (1466 m) da Colle san Magno M7 - Monte Denti da Colle San Magno M8 - Monte della Grotta da Colle San Magno M9 - Monte Cairo da Tigione N5 - San Gennaro - Monte Forcellone P1 - Colli e Fossi da Piedimonte alta P2 - Circuito Pizzo Corno da La Mandria P3 - Da Piedimonte a Terelle (traversata) P4 - Monte Cairo da La Mandria R1 - Spirito Santo: eremo e grotte da Ponte vecchio R2 - Grotte Fronza e Cane da Roccasecca R3 - Monte Camorda da Roccasecca R4 - Grotta Sacra e Grotta Profana dal Castello di Roccasecca T1 - Monte Campanella da Terelle T2 - Monte Cairo da Pozzacone T3 - Le Serre da Terelle T4 - La Pineta di Monte Cairo T5 - Il Castagneto Secolare da Terelle V1 - Monte Cairo e Terelle da San Martino V2 - Linea Gustaw Colle San Martino da Villa Santa Lucia V3 - Il Cammino dei Monaci da Madonna delle Grazie a Montecassino V4 - Dalla Madonna delle Grazie alla Croce di Ferro (Mausoleo Polacco) Da Roccasecca all'Eremo dello Spirito Santo L'anello di Caprile e del Castello di Roccasecca Da Varciosa alle Iannole Monte Bianco di Villa Latina (1169 m) Monna Acquafondata (1325 m) da Acquafondata Monte Sambucaro (o Sammucaro, 1205 m) da San Pietro Infine

Il Massiccio del Monte Cairo a cavallo

Il Massiccio del Monte Cairo in bike

Arrampicare sul Massiccio del Monte Cairo

I Comuni

Aquino • Arce Arpino • Belmonte Castello • Casalattico • Casalvieri • Cassino • Castrocielo • Colfelice • Colle San Magno • Fontana Liri • Piedimonte San Germano • Rocca d'Arce • Roccasecca • Santopadre • Terelle • Villa Santa Lucia La Ricettività

I Servizi turistici

Altri servizi

Le Guide Ambientali Escursionistiche

Monumento Naturale «Montecassino» Il Monumento Naturale Montecassino, istituito nel 2010, copre un'area di 694 ettari di rilevante interesse naturalistico e storico- archeologico che ricade all'interno del comune di Cassino.
Monumento Naturale Aquinum L’area è costituita da due zone originate dalla sorgente Capo d’Acqua d’Aquino, una di 129 ettari, include una grande piastra di travertino sulla quale si riscontrano i resti monumentali della città tardo repubblicana e imperiale di Aquino l’altra di 3 ettari, viene istituita a tutela della zona umida della sorgente. Estensione: 132 ettari Comuni: Castrocielo
Riserva Naturale Regionale «Antiche città di Fregellae, Fabrateria Nova e Lago di San Giovanni Incarico» La riserva è situata nella valle del fiume Liri, nel tratto in cui questa si allarga tra il massiccio del Monte Cairo a nord e le catene dei Monti Ausoni e dei Monti Aurunci a sud. Il lago di San Giovanni Incarico, bacino artificiale creato negli anni Venti del secolo scorso dallo sbarramento del fiume Liri, ha acque popolate da una grande varietà di pesci. Sulle sponde, dove s'incontrano numerose specie di uccelli, crescono pioppi e salici con ampi canneti. Rientrano nell'area protetta i notevoli resti della colonia romana di Fregellae, fondata nel 328 … Sito: www.riservafregellae.it Estensione: 715 ettari