L’ampia  

zona  

che  

si  

estende  

a  

sud-est  

di  

Roma,  

oltre  

i  

Colli  

Albani  

e  

fino  

alle  

porte  

dell’Abruzzo  

e  

del

Molise,  

costituisce  

la  

parte  

del  

Lazio  

chiamata  

Ciociaria  

o  

Cioceria.  

Il  

suo  

nome,  

relativamente  

recente

poiché  

è  

entrato  

nell’uso  

comune  

solo  

alla  

fine  

del  

‘700,  

deriva,  

a  

differenza  

di  

quasi  

tutti  

i  

nomi

territoriali  

d’Italia  

che  

hanno  

origine  

storica  

o  

geografica,  

dalla  

ciocia,  

un  

tipo  

di  

calzatura  

rudimentale

usata  

dagli  

abitanti  

del  

luogo  

fin  

dai  

tempi  

più  

antichi,  

formato  

da  

una  

suola  

di  

cuoio,  

opportunamente

trattata,  

leggermente  

sollevata  

lungo  

i  

bordi  

laterali  

e  

con  

la  

punta  

fortemente  

rialzata  

in  

avanti  

detta  

la

ciafrocca.  

Un  

lungo  

laccio  

di  

cuoio,  

da  

un  

lato  

più  

chiaro,  

viene  

passato  

attraverso  

alcune  

aperture

praticate  

nella  

suola  

e  

legato,  

come  

vuole  

la  

tradizione,  

con  

tredici  

giri  

attorno  

al  

polpaccio,  

protetto  

da

una pezzuola bianca che nasconde il calzettone.

I   limiti   geografici   del   territorio   ciociaro   so- no   cambiati   nel   corso   dei   secoli   e   ancora oggi   non   sono   perfettamente   definiti.   Per questo   vengono   comunemente   fatti   coinci- dere    con    i    confini    della    provincia    di    Fro- sinone. Comprende   le   regioni   pianeggianti   e   colli- nari   delle   valli   del   Liri   e   del   Sacco,   quelle montagnose   degli   Ernici,   della   Meta   e   delle Mainarde   che   le   delimitano   ad   est   e,   sul lato   opposto,   i   versanti   interni   delle   catene costiere    dei    Lepini,    degli    Ausoni    e    degli Aurunci.    I   monti   Ernici,   che   costituiscono   lo   spar- tiacque   fra   l’alta   valle   dell’Aniene,   l’alta   valle del   Liri   in   Abruzzo   e   la   valle   del   Cosa,   tributario   del   Sacco,   sono   formati   da   estesi   banchi   di   calcari cretacei   e   si   articolano   in   una   serie   di   cime   al   di   sotto   dei   2000   metri.   Il   carsismo   ha   modellato   alcune zone    del    territorio    creando    pittoreschi    paesaggi.    L’esempio    più    noto    è    Campo    Catino,    frequentata stazione sciistica situata a circa 1780 metri di altezza. Ai    piedi    dei    monti    La    Monna    (metri    1951)    e    Rotonaria    (metri    1750)    il    carsismo    ha    causato    lo sprofondamento   della   volta   di   una   caverna   sotterranea   dando   luogo   ad   una   spetta   colare   voragine   nota come   il   Pozzo   di   Antullo   (profondo   60   metri).   Lungo   le   sue   pareti,   a   tratti   bagnate   da   una   fitta   rete   di rigagnoli   e   vene   d’acqua   che   brillano   sotto   i   raggi   del   sole,   pendono   numerose   stalattiti,   in   alcune   parti fitte ed aguzze, più rade e spuntate in altre. Altro   gruppo   montuoso   del   versante   orientale   della   Ciociaria   è   quello   delle   Mainarde   che   raggiunge   i   2000   metri   nel   monte   Mare   e   nel   monte   Cavallo.   E formato   da   montagne   aspre   e   impervie,   spoglie   di   vegetazione   nelle   parti   più   elevate   ma   con   un   fitto   manto   di   conifere   lungo   le   pendici.   Al   di   sotto   dei   100 metri   sorgono   pittoreschi   villaggi   (Acquafondata,   San   Biagio   Saracinisco,   Viticuso)   legati   ad   un’economia   pastorale   arcaica,   oggi   in   forte   spopolamento.   Più in basso è situato Borgo Sant’Elia che già alla fine deI ‘500 era dotato di una cartiera azionata dalle acque del fiume Rapido. Estremo contrafforte delle Mainarde è il monte Cairo (metri 1669) che sorge isolato a nord di Cassino fra le valli del Melfa e del Rapido e il corso del Liri. Alla    catena    dei    monti    Ernici    si    contrappone    la barriera   montana   dei   Lepini,   un   complesso   di   rilievi interposti    fra    la    Pianura    Pontina    e    la    valle    del Sacco,   costituiti   da   estese   stratificazioni   di   calcari cretacei.     La     fiancata     orientale     prospiciente     la vallata   del   Sacco   è   ripidissima   e   scoscesa   mentre quella   occidentale,   rivolta   verso   la   Pianura   Pontina presenta   una   serie   di   terrazzamenti   che   formano, nell’insieme,   una   specie   di   balconata   aperta   sulla sottostante    pianura.    Sono    frequenti    i    fenomeni carsici    che    determinano    un’immensa    varietà    di paesaggi       che       vanno       dalle       ampie       conche pianeggianti     intermontane,     come     quella     della Faggeta     (1500     metri     di     lunghezza     e     500     di larghezza),   alle   brulle   distese   di   rocce   scannellate delle cime dei monti Semprevisa e Capreo. Tra   i   monti   Ernici,   che   degradano   lentamente   con un’ampia   fascia   collinare   e   i   Lepini,   che   incombono invece   con   ripidi   versanti,   si   estende   la   valle   del Sacco    denominata,    al    tempo    dei    romani,    valle Latina poiché era attraversata dalla via omonima. Il     fiume     Sacco,     detto     anticamente     Trerus     e conosciuto   anche   come   Tolero,   nasce   dal   versante orientale   dei   monti   Prenestini.   Lungo   il   suo   corso   di   circa   87   chilometri   riceve   le   acque   da   vari   affluenti   fra   i   quali   il   Savo   e   il   Cosa;   nei   pressi   di   Ceprano, sbocca   nel   Liri,   altro   importante   fiume   della   Ciociaria   ricordato   anche   da   Orazio   che   gli   dedicava   questi   versi:   “...   rura   quae   Liris   quieta   mordet   aqua taciturnus   amnis”   (...   i   campi   che   il   Liri,   fiume   taciturno,   blandisce   con   quieta   onda)   .   Il   Liri   nasce   con   piccole   vene   fra   le   falde   dei   monti   Camiciola   e   La Fossa,   a   poca   distanza   da   Castellafiume   (L’Aquila),   e   termina,   come   Liri,   nella   piana   di   Cassino   dove,   incrementato   dalle   acque   del   Gari   e   di   numerosi   altri fiumi,   prende   il   nome   Gari   che   muterà   poi   in   Garigliano   al   confine   con   la   Campania.   Durante   il   suo   percorso   di   circa   120   chilometri   attraversa   l’angusta   e pittoresca   valle   di   Roveto   dove   riceve   le   acque   del   canale   artificiale   Torlonia,   emissario   del   vasto   bacino   dove   si   raccoglievano,   prima   della   bonifica,   le acque della conca del Fucino.    A   Isola   Liri   le   sue   acque   si   uniscono   a   quelle   del   Fibreno,   ritenuto   il   fiume   di   Cicerone   poiché   sembra   che   il   suo   corso   attraversasse   il   podere   del   celebre oratore.   Qui   formano   un’imponente   cascata   che   un   secolo   fa   destò   l’ammirazione   dello   storico   tedesco   Gregorovius,   qui   giunto   dopo   un   faticoso   viaggio attraverso la campagna romana. Il   Fibreno   ha   un   corso   molto   breve,   circa   12   chilometri,   ed   è   navigabile   con   caratteristiche   barche   di   quercia   a   fondo   piatto,   adatte   sia   per   la   pesca   che   per   i trasporti   agricoli.   A   differenza   degli   altri   fiumi,   la   sua   portata   aumenta   nei   mesi   caldi   da   maggio   ad   agosto   raggiungendo   i   16   metri   cubi   al   secondo   per scendere   a   6   nel   periodo   più   freddo,   da   novembre   a   marzo.   Il   Fibreno   è   molto   caro   agli   abitanti   di   Sora.   Sulle   sue   sponde,   secondo   la   tradizione,   fu decapitata   la   vergine   Restituta   insieme   a   due   cristiani;   le   loro   teste   vennero   gettate   in   acqua   in   pasto   ai   pesci   e   i   loro   corpi   lasciati   sulle   rive   in   preda   alle fiere.   Per   volontà   divina,   però,   sia   gli   uni   che   gli   altri   non   vennero   toccati.   Appena   scaturito   da   numerose   sorgenti,   anche   subacquee,   il   Fibreno   forma   un lago   che   non   è   altro   che   il   naturale   bacino   delle   acque   che   non   riescono   interamente   a   defluire.   Si   tratta   del   lago   di   Posta   Fibreno   situato   nella   valle   di Comino,   conosciuto   fin   dai   tempi   antichi   per   una   pittoresca   isola   galleggiante,   formata   da   intrecci   di   piante   e   radici,   che   si   sposta   con   la   sola   pressione   del piede.   L’isola,   ricordata   anche   da   Plinio,   si   può   raggiungere   dalla   riva,   serpeggiando   fra   incantevoli   canneti,   con   una   caratteristica   imbarcazione   a   chiglia piatta di origine sannitica, in uso solo nella zona, detta la Naue. Al   lago   sono   legate   moltissime   leggende   fra   le   quali   quella   del   convento   inghiottito   dalle   acque,   la   cui   campana   sembra   suonare   durante   le   notti   di tempesta. Nel   territorio   ciociaro   sono   presenti   alcune   sorgenti   di   acque   minerali   dotate   di   notevole   efficacia   terapeutica.   Di   rilevanza   internazionale   è   la   stazione termale   di   Fiuggi   che   con   le   due   fonti,   quella   di   Bonifacio   VIII,   indicata   particolarmente   per   le   cure   antimeridiane,   e   quella   di   Fonte   Anticolana,   frequentata in particolare nel pomeriggio, è in grado di soddisfare molte esigenze terapeutiche. Di   notevole   importanza   sono   anche   le   Terme   di   Pompeo,   dette   un   tempo   dell’Acquapuzza,   situate   a   breve   distanza   da   Ferentino   e   riedificate   recentemente secondo modernissimi criteri estetici e funzionali. Particolare   importanza   naturalistica   riveste   la   Selva   di   Paliano,   oasi   faunistica   all’interno   della   grande   tenuta   del   Principe   Antonello   Ruffo   di   Calabria   che ospita   circa   200   specie   di   volatili   provenienti   da   varie   parti   del   mondo.   All’inizio   della   frequentazione   della   Ciociaria   da   parte   dell’uomo,   buona   parte   del territorio    era    ricoperto    da    folte    foreste,    una    delle    quali    fossilizzata,    risalente    presumibilmente    a    700.000    anni    fa,    è    stata    localizzata    nella    zona    di Villamagna, nei pressi di Anagni. (fonte www.laciociaria.it)
© www.trekkinginciociaria.com - © www.compagniadeiviandanti.com - © www.ciociariadavivere.com
AREA MONTI SIMBRUINI Filettino, Trevi nel Lazio AREA MONTI ERNICI Acuto , Alatri, Anagni, Boville Ernica, Castelliri, Collepardo, Ferentino, Fiuggi, Fumone, Guarcino, Isola del Liri, Monte San Giovanni Campano, Paliano , Piglio, Serrone , Sora, Torre Caietani, Trivigliano, Veroli, Vico nel Lazio, AREA PARCO D'ABRUZZO e MAINARDE Acquafondata, Alvito, Atina, Broccostella, Campoli Appennino, Cervaro, Fontechiari, Gallinaro, Pescosolido, Picinisco, Posta Fibreno, San Biagio Saracinisco, San Donato Val Comino, Sant'Elia Fiumerapido, San Vittore nel Lazio, Settefrati, Vallerotonda, Vicalvi, Villa Latina, Viticuso AREA MONTI AURUNCI Ausonia, Castelnuovo Parano, Coreno Ausonio, Esperia, Pignataro Interamna, Pico, Pontecorvo, San Giorgio a Liri, Sant'Ambrogio del Garigliano, Sant'Andrea del Garigliano, Sant'Apollinare, Vallemaio AREA MONTI AUSONI Amaseno, Arnara, Castro dei Volsci, Ceccano, Ceprano, Falvaterra, Giuliano di Roma, Pastena, Pofi, San Giovanni Incarico, Ripi, Strangolagalli, Torrice, Vallecorsa, Villa Santo Stefano AREA MONTI LEPINI Frosinone, Morolo, Patrica, Sgurgola, Supino AREA MASSICCIO MONTE CAIRO Aquino, Arce, Arpino, Belmonte Castello, Casalattico, Casalvieri, Cassino, Castrocielo, Colfelice, Colle San Magno, Fontana Liri, Piedimonte San Germano, Rocca d'Arce, Roccasecca, Santopadre, Terelle, Villa Santa Lucia
TREKKING IN CIOCIARIA

La Ciociaria e le sue montagne

L’ampia  

zona  

che  

si  

estende  

a  

sud-est  

di  

Roma,  

oltre  

i  

Colli

Albani    

e    

fino    

alle    

porte    

dell’Abruzzo    

e    

del    

Molise,

costituisce  

la  

parte  

del  

Lazio  

chiamata  

Ciociaria  

o  

Cioceria.

Il   

suo   

nome,   

relativamente   

recente   

poiché   

è   

entrato

nell’uso  

comune  

solo  

alla  

fine  

del  

‘700,  

deriva,  

a  

differenza

di  

quasi  

tutti  

i  

nomi  

territoriali  

d’Italia  

che  

hanno  

origine

storica   

o   

geografica,   

dalla   

ciocia,   

un   

tipo   

di   

calzatura

rudimentale  

usata  

dagli  

abitanti  

del  

luogo  

fin  

dai  

tempi  

più

antichi,  

formato  

da  

una  

suola  

di  

cuoio,  

opportunamente

trattata,  

leggermente  

sollevata  

lungo  

i  

bordi  

laterali  

e  

con

la  

punta  

fortemente  

rialzata  

in  

avanti  

detta  

la  

ciafrocca.  

Un

lungo  

laccio  

di  

cuoio,  

da  

un  

lato  

più  

chiaro,  

viene  

passato

attraverso  

alcune  

aperture  

praticate  

nella  

suola  

e  

legato,

come   

vuole   

la   

tradizione,   

con   

tredici   

giri   

attorno   

al

polpaccio,  

protetto  

da  

una  

pezzuola  

bianca  

che  

nasconde

il calzettone.

I   limiti   geografici   del   territorio   ciociaro   so-no   cambiati   nel corso   dei   secoli   e   ancora   oggi   non   sono   perfettamente definiti.    Per    questo    vengono    comunemente    fatti    coinci- dere con i confini della provincia di Fro-sinone. Comprende   le   regioni   pianeggianti   e   colli-nari   delle   valli del   Liri   e   del   Sacco,   quelle   montagnose   degli   Ernici,   della Meta   e   delle   Mainarde   che   le   delimitano   ad   est   e,   sul   lato opposto,   i   versanti   interni   delle   catene   costiere   dei   Lepini, degli Ausoni e degli Aurunci.    I   monti   Ernici,   che   costituiscono   lo   spar-tiacque   fra   l’alta valle   dell’Aniene,   l’alta   valle   del   Liri   in   Abruzzo   e   la   valle   del Cosa,   tributario   del   Sacco,   sono   formati   da   estesi   banchi   di calcari   cretacei   e   si   articolano   in   una   serie   di   cime   al   di sotto   dei   2000   metri.   Il   carsismo   ha   modellato   alcune   zone del   territorio   creando   pittoreschi   paesaggi.   L’esempio   più noto   è   Campo   Catino,   frequentata   stazione   sciistica   situata a circa 1780 metri di altezza. Ai    piedi    dei    monti    La    Monna    (metri    1951)    e    Rotonaria (metri    1750)    il    carsismo    ha    causato    lo    sprofondamento della   volta   di   una   caverna   sotterranea   dando   luogo   ad   una spetta    colare    voragine    nota    come    il    Pozzo    di    Antullo (profondo   60   metri).   Lungo   le   sue   pareti,   a   tratti   bagnate da   una   fitta   rete   di   rigagnoli   e   vene   d’acqua   che   brillano sotto    i    raggi    del    sole,    pendono    numerose    stalattiti,    in alcune parti fitte ed aguzze, più rade e spuntate in altre. Altro     gruppo     montuoso     del     versante     orientale     della Ciociaria    è    quello    delle    Mainarde    che    raggiunge    i    2000 metri   nel   monte   Mare   e   nel   monte   Cavallo.   E   formato   da montagne   aspre   e   impervie,   spoglie   di   vegetazione   nelle parti   più   elevate   ma   con   un   fitto   manto   di   conifere   lungo   le pendici.    Al    di    sotto    dei    100    metri    sorgono    pittoreschi villaggi    (Acquafondata,    San    Biagio    Saracinisco,    Viticuso) legati    ad    un’economia    pastorale    arcaica,    oggi    in    forte spopolamento.   Più   in   basso   è   situato   Borgo   Sant’Elia   che già   alla   fine   deI   ‘500   era   dotato   di   una   cartiera   azionata dalle acque del fiume Rapido. Estremo    contrafforte    delle    Mainarde    è    il    monte    Cairo (metri   1669)   che   sorge   isolato   a   nord   di   Cassino   fra   le   valli del Melfa e del Rapido e il corso del Liri. Alla    catena    dei    monti    Ernici    si    contrappone    la    barriera montana   dei   Lepini,   un   complesso   di   rilievi   interposti   fra   la Pianura   Pontina   e   la   valle   del   Sacco,   costituiti   da   estese stratificazioni    di    calcari    cretacei.    La    fiancata    orientale prospiciente   la   vallata   del   Sacco   è   ripidissima   e   scoscesa mentre   quella   occidentale,   rivolta   verso   la   Pianura   Pontina presenta     una     serie     di     terrazzamenti     che     formano, nell’insieme,     una     specie     di     balconata     aperta     sulla sottostante   pianura.   Sono   frequenti   i   fenomeni   carsici   che determinano   un’immensa   varietà   di   paesaggi   che   vanno dalle    ampie    conche    pianeggianti    intermontane,    come quella    della    Faggeta    (1500    metri    di    lunghezza    e    500    di larghezza),    alle    brulle    distese    di    rocce    scannellate    delle cime dei monti Semprevisa e Capreo. Tra     i     monti     Ernici,     che     degradano     lentamente     con un’ampia   fascia   collinare   e   i   Lepini,   che   incombono   invece con     ripidi     versanti,     si     estende     la     valle     del     Sacco denominata,   al   tempo   dei   romani,   valle   Latina   poiché   era attraversata dalla via omonima. Il    fiume    Sacco,    detto    anticamente    Trerus    e    conosciuto anche   come   Tolero,   nasce   dal   versante   orientale   dei   monti Prenestini.   Lungo   il   suo   corso   di   circa   87   chilometri   riceve le   acque   da   vari   affluenti   fra   i   quali   il   Savo   e   il   Cosa;   nei pressi   di   Ceprano,   sbocca   nel   Liri,   altro   importante   fiume della   Ciociaria   ricordato   anche   da   Orazio   che   gli   dedicava questi    versi:    “...    rura    quae    Liris    quieta    mordet    aqua taciturnus   amnis”   (...   i   campi   che   il   Liri,   fiume   taciturno, blandisce   con   quieta   onda)   .   Il   Liri   nasce   con   piccole   vene fra   le   falde   dei   monti   Camiciola   e   La   Fossa,   a   poca   distanza da    Castellafiume    (L’Aquila),    e    termina,    come    Liri,    nella piana   di   Cassino   dove,   incrementato   dalle   acque   del   Gari   e di   numerosi   altri   fiumi,   prende   il   nome   Gari   che   muterà poi   in   Garigliano   al   confine   con   la   Campania.   Durante   il suo   percorso   di   circa   120   chilometri   attraversa   l’angusta   e pittoresca   valle   di   Roveto   dove   riceve   le   acque   del   canale artificiale    Torlonia,    emissario    del    vasto    bacino    dove    si raccoglievano,   prima   della   bonifica,   le   acque   della   conca del Fucino.    A   Isola   Liri   le   sue   acque   si   uniscono   a   quelle   del   Fibreno, ritenuto    il    fiume    di    Cicerone    poiché    sembra    che    il    suo corso    attraversasse    il    podere    del    celebre    oratore.    Qui formano    un’imponente    cascata    che    un    secolo    fa    destò l’ammirazione     dello     storico     tedesco     Gregorovius,     qui giunto   dopo   un   faticoso   viaggio   attraverso   la   campagna romana. Il   Fibreno   ha   un   corso   molto   breve,   circa   12   chilometri,   ed è   navigabile   con   caratteristiche   barche   di   quercia   a   fondo piatto,   adatte   sia   per   la   pesca   che   per   i   trasporti   agricoli.   A differenza    degli    altri    fiumi,    la    sua    portata    aumenta    nei mesi   caldi   da   maggio   ad   agosto   raggiungendo   i   16   metri cubi   al   secondo   per   scendere   a   6   nel   periodo   più   freddo, da   novembre   a   marzo.   Il   Fibreno   è   molto   caro   agli   abitanti di    Sora.    Sulle    sue    sponde,    secondo    la    tradizione,    fu decapitata   la   vergine   Restituta   insieme   a   due   cristiani;   le loro   teste   vennero   gettate   in   acqua   in   pasto   ai   pesci   e   i loro   corpi   lasciati   sulle   rive   in   preda   alle   fiere.   Per   volontà divina,   però,   sia   gli   uni   che   gli   altri   non   vennero   toccati. Appena       scaturito       da       numerose       sorgenti,       anche subacquee,   il   Fibreno   forma   un   lago   che   non   è   altro   che   il naturale   bacino   delle   acque   che   non   riescono   interamente a   defluire.   Si   tratta   del   lago   di   Posta   Fibreno   situato   nella valle   di   Comino,   conosciuto   fin   dai   tempi   antichi   per   una pittoresca   isola   galleggiante,   formata   da   intrecci   di   piante e    radici,    che    si    sposta    con    la    sola    pressione    del    piede. L’isola,   ricordata   anche   da   Plinio,   si   può   raggiungere   dalla riva,     serpeggiando     fra     incantevoli     canneti,     con     una caratteristica     imbarcazione     a     chiglia     piatta     di     origine sannitica, in uso solo nella zona, detta la Naue. Al   lago   sono   legate   moltissime   leggende   fra   le   quali   quella del    convento    inghiottito    dalle    acque,    la    cui    campana sembra suonare durante le notti di tempesta. Nel    territorio    ciociaro    sono    presenti    alcune    sorgenti    di acque   minerali   dotate   di   notevole   efficacia   terapeutica.   Di rilevanza   internazionale   è   la   stazione   termale   di   Fiuggi   che con     le     due     fonti,     quella     di     Bonifacio     VIII,     indicata particolarmente    per    le    cure    antimeridiane,    e    quella    di Fonte       Anticolana,       frequentata       in       particolare       nel pomeriggio,    è    in    grado    di    soddisfare    molte    esigenze terapeutiche. Di   notevole   importanza   sono   anche   le   Terme   di   Pompeo, dette   un   tempo   dell’Acquapuzza,   situate   a   breve   distanza da      Ferentino      e      riedificate      recentemente      secondo modernissimi criteri estetici e funzionali. Particolare    importanza    naturalistica    riveste    la    Selva    di Paliano,   oasi   faunistica   all’interno   della   grande   tenuta   del Principe   Antonello   Ruffo   di   Calabria   che   ospita   circa   200 specie    di    volatili    provenienti    da    varie    parti    del    mondo. All’inizio    della    frequentazione    della    Ciociaria    da    parte dell’uomo,   buona   parte   del   territorio   era   ricoperto   da   folte foreste,        una        delle        quali        fossilizzata,        risalente presumibilmente    a    700.000    anni    fa,    è    stata    localizzata nella    zona    di    Villamagna,    nei    pressi    di    Anagni.    (fonte www.laciociaria.it)
© www.trekkinginciociaria.com - © www.compagniadeiviandanti.com - © www.ciociariadavivere.com
TREKKING IN CIOCIARIA
AREA MONTI SIMBRUINI Filettino, Trevi nel Lazio AREA MONTI ERNICI Acuto , Alatri, Anagni, Boville Ernica, Castelliri, Collepardo, Ferentino, Fiuggi, Fumone, Guarcino, Isola del Liri, Monte San Giovanni Campano, Paliano , Piglio, Serrone , Sora, Torre Caietani, Trivigliano, Veroli, Vico nel Lazio, AREA PARCO D'ABRUZZO e MAINARDE Acquafondata, Alvito, Atina, Broccostella, Campoli Appennino, Cervaro, Fontechiari, Gallinaro, Pescosolido, Picinisco, Posta Fibreno, San Biagio Saracinisco, San Donato Val Comino, Sant'Elia Fiumerapido, San Vittore nel Lazio, Settefrati, Vallerotonda, Vicalvi, Villa Latina, Viticuso AREA MONTI AURUNCI Ausonia, Castelnuovo Parano, Coreno Ausonio, Esperia, Pignataro Interamna, Pico, Pontecorvo, San Giorgio a Liri, Sant'Ambrogio del Garigliano, Sant'Andrea del Garigliano, Sant'Apollinare, Vallemaio AREA MONTI AUSONI Amaseno, Arnara, Castro dei Volsci, Ceccano, Ceprano, Falvaterra, Giuliano di Roma, Pastena, Pofi, San Giovanni Incarico, Ripi, Strangolagalli, Torrice, Vallecorsa, Villa Santo Stefano AREA MONTI LEPINI Frosinone, Morolo, Patrica, Sgurgola, Supino AREA MASSICCIO MONTE CAIRO Aquino, Arce, Arpino, Belmonte Castello, Casalattico, Casalvieri, Cassino, Castrocielo, Colfelice, Colle San Magno, Fontana Liri, Piedimonte San Germano, Rocca d'Arce, Roccasecca, Santopadre, Terelle, Villa Santa Lucia